Itinerari Bari

Cisternino

08 marzo 2018

A breve distanza dal mare, troviamo Cisternino in provincia di Brindisi. Un paese piccolo con le sue casette bianche al centro del paese; trulli e ulivi nella campagna che lo circonda.

L'ingresso principale era costituito dalla Torre di Porta Grande, edificio normanno risalente al tredeicesimo secolo. Alta circa 17 metri ospita sulla sua sommità una piccola statua di San Nicola; attualmente la torre viene utilizzata per eventi e mostre culturali.

Girovagando per le stradine del paese, troviamo la Chiesa Madre di San Nicola, sorta nel XIV secolo su una chiesa paleocristiana dei monaci basiliani, che presenta una facciata in stile neoclassico. L'interno è strutturato in tre navate, divise da colonne con capitelli in pietra che mantengono l'origine medievale. Sull'altare maggiore è posta una statua di San Nicola e nella sagrestia vi sono tele e bassorilievi. Nella navata laterale si aprono le cappelle del Santissimo Sacramento e del Rosario, sul muro dove si congiungono, risalta la Madonna del Cardellino, realizzata da Stefano da Putignano nel 1517.

Sono numerori i palazzi storici, tra tutti il Palazzo del Governatore adiancete alla Porta Piccola, identificata come porta di Santa Maria. Presenta una struttura a forma di torre traforata dalle arcate dei ballatoi. Al suo interno è presente una scalinata che porta ai diversi piani e alle due verande. La prima veranda ha un'ariosa arcata sorretta da due pilastri con eleganti cornici. L'arcata della seconda veranda si distingue, in quanto sorretta da due semicolonne scanalate terminanti con un capitello. 

Torre Amati fu inglobata all'interno del Palazzo Amati costituendo un edificio unico. Il Palazzo presenta un'ariosa veranda costituita da tre arcate. All'altezza dei beccatelli si profila un'elegante balaustra di colonne tornite che si alternano a mascheroni apotropaici e a erme.

La terza Torre di fronte alla chiesa nuova, prima chiamata Torre a Vento e successivamente Torre Capace, fu inglobata interamente dal Palazzo Riccio-Capace, sul finire del XIX secolo.

Palazzo Vescovile presenta una facciata rinascimentale, mentre ai lati, due semicolonne rotondeggianti sorreggono la trabeazione e il frontone. Elementi decorativi sono le due rosette laterali, mentre sulla colonna sinistra si intravede l'incisione di un cavaliere e sulla colonna destra si percepisce il  disegno di un cavallo.

Il Santuario della Madonna d'Ibernia è un sito archeologico con reperti romani e medioevali situato a 3 km da Cisternino. Il lunedì di Pasqua, per le feste primaverili, la popolazione porta in dono un dolce, il Chirruchele, che i fanciulli pagani offrivano a Cibele per propiziare la fecondità. Il culto verso la divinità pagana ha un legame con la madonna d'Ibernia, detta anche delle uova, cioè della procreazione e dell'abbondanza. 

 

Foto: edenpuglia.com