Bari, Itinerari, Località, Musei

Molfetta

09 marzo 2018

Il Borgo antico affacciato sul mare è conosciuto come "isola di Sant'Andrea", ricco di antichi palazzi nobiliari, chiese e monumenti che si espandono su una pianta a forma di spina di pesce.

Il Duomo di San Corrado, una chiesa a cupole in asse provvista di due torri campanili gemelle, porta il nome del santo patrono ma le sue reliquie sono conservate in un'altra costruzione, la Cattedrale dell'Assunta. Al suo interno sono collocate diverse opere tra le più impotanti un quadro di Corrado Giaquinto, artista di Molfetta.

La Chiesa del Purgatorio, di facciata tardo-rinascimentale e le sue statue di cartapesta utilizzate per la celebrazione del Sabato Santo nel periodo di Pasqua, portate in processione prima della Veglia di Pasqua.

La Chiesa di San Pietro barocca su precendente edificio romanico, la si trova in un vicolo del centro con una facciata adornata con marmi bianchi e pregiati.

Parte dell'antica cinta muraria è il Torrione Passari, inizialmente una cannoniera e successivamente diventò una torre di vedetta. Alla base le mura sono massicce di cinque metri di spessore che diminuiscono gradualmente fino al cordone, da qui si sale fino alla sommità da dove si può ammirare il paesaggio.

Un alto tempio gotico, detto "Calvario", della metà del diciannovesimo secolo, eretto su tre livelli di pianta ottogonale. Presenta un'altezza di 20 metri e sulla cima presenta la guglia sommitale, uno dei simboli più noti per gli abitanti di Molfetta. 

Il comune è ospitato nel Palazzo Giovene, di stile rinascimentale e ospita inoltre la Galleria di Arte Contemporanea e una collezione di carrozze. 

Palazzo Cavalletti, intitolato al Re alla fine del secolo scorso, in seguito all'Unità d'Italia; qui troviamo il monumento dell'antico sovrano.

Nei dintorni è possibile visitare il sito archeogico del Pulo a due km dal centro urbano, dove sono presenti i resti di insediamenti, di capanne ed una necropolis. Il Pulo è uno sprofondamento di origine carsica dove negli anni viene allestito il presepe vivente di Molfetta. E' da qui che provengono i frammenti di vasi detti "Molfetta", rinvenuti in tutto il Mediterraneo.

Nella periferia cittadina si possono visitare le Torri di avvistamento situate in direzione di Bitonto, Terlizzi, Ruvo e Corato; che formavano il sistema difensivo costruito nei secoli scorsi, dal Medioevo fino a circa l'Ottocento. 

 

 

Foto: Wikipedia.it